Il 24 marzo 2020 il mondo del fumetto è stato scosso dalla morte di Albert Uderzo, uno dei grandi simboli del fumetto francese, disegnatore del suo più celebre personaggio, Asterix, il gallico.

Un eroe che ha conosciuto ben 24 avventure tradotte in tutte le lingue del mondo e diffuso in 350 milioni di copie. Con Uderzo, si spegne definitivamente la coppia che aveva dato vita a questo personaggio,  lo sceneggiatore René Goscinny(morto nel 1977) e con la scomparsa di Uderzo si chiude definitivamente quella stagione, gli anni Cinquanta e Sessanta, che erano stati forse la stagione d’oro del fumetto francese per ragazzi.Le avventure di Asterix proseguono autonomamente con la coppia Ferri e Conrad

In questa puntata racconteremo la nascita del personaggio di Asterix e entreremo in quella che è stata “la bottega” di Goscinny e Uderzo

Approfondimenti

La storia di Asterix e Obelix possono essere ricostruite riprendendo in mano le tante avventure che hanno vissuto, partendo dalla prima Asterix il Gallico del 1959 fino ad oggi: con le loro avventure si può entrare nell’universo di questi simpatici “galli resistenti”. Per parte nostra vi suggeriamo queste storie in particolare: Asterix e lo scudo degli Arverni, Asterix e i britanni, Asterix e i goti e Asterix in Corsica. Per orientarsi nella storia editoriale delle pubblicazioni vi suggeriamo questi siti: http://www.iafol.org/schede/asterix/Biblio.htmlhttp://www.asterixweb.it/guidaperilcollezionista.htmIn puntata vi abbiamo parlato delle radici di migranti della coppia Goscinny e Uderzo. A Goscinny è stata dedicata in particolare una bellissima mostra al Museo d’Histoire du Judaisme di Parigi nel 2018 “Goscinny, au delà du rire” di cui si da conto in questi articoli http://moked.it/blog/2017/11/01/comics-and-jews-lebraismo-dietro-asterix-obelix/http://zona-bede.blogspot.com/2018/03/omaggio-rene-goscinny.htmlInfine, vi suggeriamo la lettura dell’articolo del professore di Filologia Classica di Bologna Federico Condello su “La Repubblica” del 25 marzo dedicato alla morte di Uderzo  Sono pazzi questi Romani. Il De bello gallico versione comics

Jukebox

Per accompagnare una puntata così francese, abbiamo ascoltato un gruppo storico dello ska francese, gli Skarface. Questi gli ascolti:  Skarface go home dall’album  “Skuck off!” (1997)Skaribou dall’album  “Hold up in Skacity!” (1993)Jamais d’Eldorado dall’album  “Best&Next(1999)

(La copertina di questa settimana è presa da qui)

Abbandoniamo l’Emilia, e la nostra cara Bologna per andare più a nord, a Milano. Una città che come tante altre raccontata tramite stereotopi che nascondono tante altre realtà. La Milano di cui vi parliamo in questa puntata è quella del quartiere chiamato Ticinese, dei punk e dei movimenti, della famosissima libreria Calusca e di Primo Moroni, il librario del movimento.

In occasione dei vent’anni dalla scomparsa di Primo Moroni (2018), vari siti e media di movimenti si mettono insieme per creare uno speciale che poi è diventato un libro Geografie della rivolta. Primo Moroni, il librario del movimento.

Maysa Moroni curatrice del libro ai nostri micorofoni ci ha raccontato la rete di realtà che hanno realizzato la pubblicazione, uno spaccato della sua infanzia dentro la libreria Calusca, passando fra le questioni che hanno caratterizzato la vita e l’attivismo del padre e che continuano ad essere contingenti.

Approfondimenti

Abbiamo parlato di Geografie della rivolta. Primo Moroni, il librario del movimento, edito da Dinamopress con la collaborazione di Cox 18, Calusca City Lights, Archivio Primo Moroni.
https://www.dinamopress.it/
https://cox18.noblogs.org/
Archivio Primo Moroni
Suggeriamo la lettura di:
Ca’ Lusca: scritti e interventi di Primo Moroni, Archivio Primo Moroni e Calusca City Lights, 2001
Nanni Balestrini e Primo Moroni, L’ orda d’oro: 1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e
creativa, politica ed esistenziale, Feltrinelli, 1997

Jukebox

Per questa puntata abbiamo ascoltato

Milano antartica dei Kalashnikov Collective dall’album “L’ algebra morente del cielo” (2015)

Un passo dopo l’altro degli RFT dall’album “Milano hardcore vol.2” (2002)

L’intervista completa a Primo Moroni si trova a questo link

(La copertina di questa settimana è presa dalla copertina del libro “geografie della rivolta”)

In queste giornate complesse la redazione di Vanloon vi propone una nuova puntata di Petit x, la rubrica che dedichiamo alle biografie, partendo dalla presentazione di un libro, Artemisia Gentileschi. L’artista in Italia. Guida ragionata alle opere nei musei, nelle chiese, gallerie e collezioni d’arte in Italia di Raoul Melotto, pubblicato da Odoya nel 2019 nella collana Guide d’artista. Un libro molto interessante, che ci conduce in un viaggio fra le opere di una pittrice dalla storia violenta e straordinaria.

Approfondimenti

La vicenda biografica di Artemisia Gentlileschi è nota soprattutto per il suo “processo per stupro”: caso quasi unico nella storia moderna, la pittrice portò in tribunale l’uomo che la violentò, l’artista Agostino Tassi, dovendo subire anche un processo invasivo e altrettanto violento che affrontò con orgoglio e determinazione. Nella puntata partiamo da questa storia per entrare nell’universo di una donna d’arte che superò le barriere di genere di una professione all’epoca quasi esclusivamente maschile. Per parlarvi di Artemisia siamo partiti, come ha fatto Melotto nella sua guida, dai quadri, vera essenza del suo percorso. 

Qui i quadri di cui vi abbiamo parlato

Susanna e i vecchioni (1610) conservato a Pommersfelden, Germania

Giuditta che decapita Oloferne (1612) conservato al museo Capodimonte di Napoli

Autoritratto come suonatrice di liuto (1617-1628) conservato a Hartford, USA

Ritratto di Artemisia Gentileschi di Simon Vouet (1623) conservato al Palazzo Blu di Pisa

Anche a Bologna si possono trovare quadri di Artemisia Gentileschi: vi invitiamo a recuperare la bella guida di Raoul Melotto per mettervi alla ricerca delle sue tracce in città. 

Oltre alle opere legate alla biografia dell’artista e ai viaggi per i luoghi della sua storia artistica, un percorso molto interessante che ci propone Melotto è quello fra i ritratti e gli autoritratti di Artemisia, spesso nascosti in scene sacre. Di recente ne è stato scoperto un altro realizzato da Orazio Gentileschi, nella chiesa del Gesù di Ancona, dalla storica dell’arte Lucia Panetti.

Jukebox

Nella puntata di oggi vi abbiamo proposto il disco “Hunter” (Domino Records 2018) della britannica Anna Calvi: un’opera che lei stessa ha definito come il suo lavoro più femminista e più queer. Perfetto quindi per questa puntata di storia di donne. I brani che abbiamo ascoltato sono As a man, Chain, Don’t Beat the Girl out of My Boy

(La copertina di questa settimana è presa da Artemisia Gentileschi, Giuditta che decapita Oloferne)

La puntata di questa settimana è dedicata al gigante della musica contemporanea Tricky e ai 25 anni del suo primo disco come solista, il capolavoro Maxinquaye.

Prendiamo spunto da atmosfere e personaggi che popolano la sua musica e la sua vita per sbirciare la cultura e la società britannica dei primi anni ‘90. In questo viaggio non potevamo non farci accompagnare dall’amato e compianto Mark Fisher

Approfondimenti

Mark Fisher, Spettri della mia vita. Scritti su depressione, hauntologia e futuri perduti, Minimum fax, 2019

Due articoli reperibili on-line sono

Ian Penman, Black Secret Tricknology, in “The Wire” marzo 1995

David Bowie, “You Don’t Wanna Be Painting Your Face Like That…”, Q Magazine”, ottobre 1995

Jukebox

Abbiamo ascoltato dall’album “Maxinquaye”(B’way Records) i brani Aftermath, Overcome, You Don’t, The Hell is Around the Corner

(La copertina di questa settimana è la copertina dell’album di cui parliamo)

Nel 2000 usciva in Francia il primo volume di un fumetto che avrebbe contribuito a modificare in maniera il panorama del genere, Persepolis di Marjane Satrapi. Storia individuale della fumettista alle prese con la crescita nell’Iran dello Scià e poi della Repubblica islamica, storia collettiva di un paese massacrato dalle grandi trasformazioni del Novecento. Persepolis è stato un libro determinante per la nascita di quel genere che oggi viene etichettato come graphic novel. 

In questa puntata di Vanloon abbiamo deciso di raccontare questo libro per noi fondamentale, viaggiando nel mondo del fumetto ma prestando attenzione alla vita di Marjane Satrapi, per costruire una Petit x – la rubrica che dedichiamo alle biografie e ai percorsi di vita- per questo 8-9 marzo di lotta.

Approfondimenti

Persepolis è stato pubblicato in Italia per la prima volta dalla storica casa editrice Lizard ma un contributo fondamentale alla conoscenza di Marjane Satrapi nel nostro paese è stato dato dall’Associazione Mirada di Ravenna che organizzò nel 2003 la mostra itinerante Il velo di Maya. Marjane Satrapi o dell’ironia dell’Iran da cui uscì anche un catalogo che ora potete consultare anche online

Per arricchire la lettura vi suggeriamo due approfondimenti su questo fumetto, con un articolo tratto dal portale Fumettologica e un altro da Ubcfumetti. Infine vi suggeriamo anche la voce dedicata a Marjane Satrapi sul portale Enciclopedia delle donne

Jukebox

Per accompagnare una puntata che parla di lotta e di donne, abbiamo scelto una bella voce della scena hip hop femminista, Shadia Mansour, rapper palestinese-britannica. Abbiamo scelto quest’artista perché il suo percorso ci ha ricordato quello di Satrapi: cresciuta in Occidente, Shadia ha deciso di usare come propria lingua l’arabo sia per supportare la causa del popolo palestinese sia per rompere delle barriere culturali presenti in Europa. Non avendo lei ancora prodotto un album , vi segnaliamo soltanto i titoli delle canzoni che abbiamo ascoltato in puntata. Kofeyye Arabeyye, Beirut, Somos sur feat. Ana Tijoux

(La copertina di questa settimana è presa da un fotogramma del film Persepolis (2007)

In occasione del Black History Month riprendiamo la nostra rubrica “musica e storia” per parlare degli Algiers, band di Atlanta, in Georgia, che ha da poco prodotto un nuovo album, There is no year.

Gruppo dalle sonorità potenti, che contamina post-punk, elettronica e soul per costruire una musica di denuncia e di rabbia, che parla del passato dello schiavismo e della segregazione ma anche del razzismo e del suprematismo bianco del presente.

Approfondimenti

Per preparare la puntata abbiamo letto tanti articoli sulla stampa musicale italiana che ha accolto sempre con grande entusiasmo le uscite di questo gruppo; qui alcuni spunti: 

Mauro Fenoglio, Algiers. Attacco al potere su “Rumore” n°306-307, estate 2017. 

Paolo Dordi e Gianluca Polverari, Algiers. In viaggio verso la redenzione su “Rockerilla” n° 473, gennaio 2020. 

Michele Primi, Sfidiamo l’apocalisse con l’arma del soul, da “La lettura” del 22 dicembre 2019. 

Bellissima lettura da supporto per comprendere questa stagione della musica e della politica statunitense (ma non solo) Fernando Rennis, Politics. La musica angloamericana nell’era di Trump e della Brexit, Arcana 2018.

Jukebox

In questa puntata abbiamo fatto il nostro solito viaggio non cronologico ma tematico attraverso la discografia del gruppo di cui vi abbiamo parlato. Abbiamo selezionato per voi Blood da “Algiers (2015)

Cleveland e Walk like a panther da “The Underside of power (2017)

Dispossession da “There is no year” (2020)