La puntata di questa settimana è dedicata a uno degli ambiti preferiti di Vanloon, la storia dei movimenti, in particolare al trentennale del movimento della Pantera. Abbiamo intervistato Simone Lucido, attivista della Pantera di Palermo, città che ha generato il movimento con l’occupazione della Facoltà di Lettere il 5 dicembre del 1989. Scopriamo grazie a lui che quella non fu un’esplosione improvvisa ma il risultato di tanti fattori, compresi una lunga, anche se quasi sconosciuta, effervescenza politica e culturale del meridione durante gli anni ‘80.

Approfondimenti

Qualche libro per avvicinarci alla storia e alla genesi di questo movimento

Nando Simeone, Gli studenti della pantera. Storia di un movimento dimenticato, Alegre 2010

AA.VV., L’aeroplano e le stelle. Storia orale di una relatà studentesca prima e dopo la pantera,Manifestolibri 1995

Marco Capitelli(a cura di), La pantera siamo noi, Istant books C.I.D.S 1990

Jukebox

Per la puntata di oggi, vi abbiamo proposto gli albori del rap italiano con “Stop al panico!” del 1991, pezzo figlio della Pantera e dei centri sociali degli anni ‘90 e quello che ormai possiamo definire un classico, Neffa e i messaggeri della dopa con “Aspettando il sole” dall’album omonimo del 1996

In occasione del Giorno del ricordo abbiamo fatto due chiacchiere con Viola Santi, storica, che nei suoi studi si è occupata di confine orientale. In particolare siamo andati a scandagliare il processo di “riscoperta” delle foibe che ha portato alla legge sul ricordo del 2004 e ci siamo chiesti perchè da storia- evento locale, quella delle foibe sia passata a rappresentare una delle autobiografie della nazione, per la gioia della destra nazionalista.

Approfondimenti

Per questa puntata abbiamo citato l’articolo dello storico Davide Conti uscito su “Il Manifesto” il 4 febbraio, l’articolo dello storico Eric Gobetti uscito su “la Repubblica” il 6 febbraio.

L’anno scorso avevamo inervistato lo storico Piero Purich del collettivo Nicoletta Burbaki che si occupa di fake-news e inesattezze varie riguardo il confine orientale.

Sul blog “Gli stati generali” lo storico David Bidussa ci invita ad una riflessione intorno alla narrazione delle foibe solo da una parte

Sul sito dell’istituto storico della Resistenza del Friuli Venezia Giulia è stato pubblicato un vademecum per il giorno del ricordo, da scaricare e leggere

Viola Santi ha scritto vari articoli sul confine orientale, l’ultimo è questo su “lavoro culturale” di cui ci ha parlato in puntata

Jukebox

Questa settimana abbiamo scelto il gruppo punk sloveno anni ’70 Paraf con la canzone revolutja

(La copertina di questa settimana è presa da un particolare del campo di concentramento di Rab (Croazia) scattatata ad agosto 2017. Questo di Rab è il più grande campo di concentramento italiano in Jugoslavia per la repressione dei civili sloveni e croati)

Questa è una delle rare occasioni in cui Vanloon si spinge fuori dagli abituali confini della contemporaneità: nella puntata di oggi andiamo talmente indietro da arrivare all’ultimo punto della cosiddetta Epoca degli Eroi, la Guerra di Troia. Ci avviciniamo alla città dalle mura potenti nel momento in cui è in fiamme per l’invasione degli Achei e iniziamo a seguire le vicende di Enea, l’eroe che ha il compito di portare in salvo il Palladio per fondare una nuova città. Naturalmente stiamo parlando dell’Eneide il poema epico di Virgilio che ci viene raccontato nella nuova uscita della collana Classici pop di Odoya curata da Franco Pezzini, Profugus. Misteri, migrazioni e popoli del mare nell’Eneide.

Un libro che ci offre un “dietro le quinte” del lavoro di Virgilio ma che, grazie al confronto con altre leggende e recenti studi storici ci permette di contestualizzare la leggenda del padre di Roma

Approfondimenti

Franco Pezzini oltre a raccontare in maniera dettagliata il laboratorio dell’Eneide ha il grande merito di porre l’attenzione sul personaggio di Enea e della visione che i romani avevano di lui e quindi della loro storia. Enea è descritto come profugus, è un guerriero sconfitto che naviga disperato per mare per cercare una nuova patria per il suo popolo: questo è l’eroe che Roma, nell’epoca di Augusto, decide di celebrare come mito fondativo. Per corroborare la lettura di questo testo vi segnaliamo i lavori del Centro studi “La permanenza del classico” dell’Università di Bologna che in alcune edizioni delle sue belle serate pubbliche si è concentrata sull’Eneide e su questa idea di Enea “eroe profugo”: Eredi, Patria, patrie, Esodi (per quest’ultima edizione è disponibile il video della conferenza che vi suggeriamo di guardare)

Jukebox

Per la puntata di oggi, vi abbiamo proposto una serie di canzoni dedicate alla tematica dell’Eneide e del viaggio dei troiani per il Mediterraneo. 

Assalti Frontali, Enea super rap da “Un’intesa perfetta” (2008)

The Gang, Eurialo e Niso da “Storie d’Italia” (1993)

Litfiba, La battaglia da Eneide di “Krypton” (1983)

(La copertina di questa settimana è presa da Fuga di Enea di Federico Barocci 1598)

Per il giorno della memoria siamo andati a scovare una storia ancora troppo poco conosciuta, quella dei campi di concentramento fascisti aperti tra il 1940 e il 1944 nel centro sud Italia. In particolare l’Abruzzo risulta essere la regione che ne ha avuti di più (19 su 48). Ne abbiamo parlato con Giuseppe Lorentini.

Approfondimenti

Giuseppe Lorentini è l’autore del libro L’ozio coatto. Storia del campo di concentramento fascista di Casoli (1940-1944) edito da Ombrecorte nel 2019 ma è anche l’ideatore e il curatore del progetto www.campocasoli.org dove sono digitalizzati e dipsonibili i documenti inerenti al campo di concentramento che Lorentini ha trovato nell’archivio di questo comune abruzzese alle falde della Maiella e che può essere considerato un paradigma dei campi di concentramento sparsi sul suolo italiano già dal giugno 1940 in cui sono transitati ebrei stranieri e prigionieri politici, dove non si uccide come nei campi di sterminio, ma che per alcuni sono stati l’anticamera della morte.

A Casoli il 26 gennaio è stata inaugurata una mostra permanente su questo tema.

Alcuni libri importanti sui campi di concentramento in Italia sono:

  • Carlo Spartaco Capogreco, I campi del duce. L’internamento civile nell’Italia fascista (1940-1943), Eunaudi 2004
  • Alessandra Kersevan, Lager italiani. Pulizia etnica e campi di concentramento per civili jugoslavi 1941-1943, Nutrimenti 2004
  • Costantino Di Sante (a cura di), I campi di concentramento in Italia.Dall’internamento alla deportazione (1940-1945), Franco Angeli 2001

Jukebox

Ci ha accompagnato in questa puntata una canzone del cantautore  svedese di origine argentina Jose Gonzalez, “Heartbeats” dall’album omonimo del 2012.

(La copertina di questa settimana è presa da www.campocasoli.org, dettaglio del regolamento del campo di concentramento della Questura di Chieti)

Nuova puntata del viaggio di Vanloon attraverso la storia raccontata dalla musica e dalle canzoni. Nel nostro ultimo appuntamento vi abbiamo parlato dei Franti e ora ci spostiamo ancora più a nord: direzione Le Havre, scopriamo le parole di Médine. 

Come si intuisce dal nome, Médine è un rapper francese dichiaratamente islamico: l’aspetto interessante è che, pur con delle posizioni che noi non condividiamo, ha usato la sua fede come un elemento per entrare nella  complessa memoria della Francia, del suo passato coloniale e delle tante questioni in sospeso per chi, come il nostro autore, è un cittadino “issu de l’immigration”.

Approfondimenti

Médine è un artista poco conosciuto in Italia e chi lo ha citato spesso lo ha fatto a sproposito: Adriano Sofri, dopo gli attentati del 2015, ne ha fatto un esempio del radicalismo religioso diffuso nelle banlieue, dimostrando di non conoscere il suo percorso musicale. Per chi volesse approfondire Médine come l’hip hop francese suggeriamo invece il libro di Luca Gricinella Rapropos. Il rap racconta la Francia, Agenzia X nel 2011.Per chi ha confidenza con la lingua d’oltralpe proponiamo un articolo sulla serie Enfant du destin di cui vi abbiamo parlato in puntata.

Jukebox

In puntata vi abbiamo proposto un percorso di ascolti dei brani di Médine secondo la nostra interpretazione: ve li elenchiamo qui secondo l’ordine di pubblicazione: 

David da “11 septembre. Récit du 11éme jour” (2004)

Jihad da “Jihad. le plus grand combat est contre soi-même” (2005)

17 octobre da “Table d’écoute” (2006)

Self Defense da “Arabian Panther” (2008)

Daoud da “Protest Song” (2013)

(La copertina di questa settimana è presa da –)

Abbiamo chiacchierato con la giovane storica Giulia Zitelli Conti sull’approccio della storia orale alla ricerca storica, sulla differenza tra il metodo giornalistico di fare una intervista e quello storico.

Approfondimenti

Essendo la storia orale un metodo della storia già dal dopoguerra l’elenco dei testi sarebbe lunghissimo. Riproponiamo qui quelli che ha citato Giulia Zitelli Conti nell’intervista.

Sul metodo:

  • Giovanni Contini, Alfredo Martini, Verba manent. L’uso della fonte orale per la storia contemporanea, Carocci, 1993
  • Bruno Bonomo, Voci della memoria, Carocci, 2013
  • Alessandro Portelli, Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo, Donzelli, 2007
  • Alessandro Casellato, Il microfono rovesciato. Dieci variazioni sulla storia orale, ed Istoreco. 2007

Esempi pratici:

  • Francesca Socrate, Sessantotto, due generazioni, Laterza, 2018
  • Paola Stellifferi, Il femminismo a Roma negli anni ‘70, Bup, 2015
  • Nuto Revelli, Il mondo dei vinti. Testimonianze di vita contadina, Einaudi, 1977
  • Giulia Zitelli Conti, Magliana nuova: un cantiere politico nella periferia romana, Franco Angeli, 2019

Un bell’articolo di Alessandro Portelli ci spiega cosa fa uno storico che si approccia alla ricerca con la storia orale. Il sito dell’Associazione italiana di storia orale è www.aisoitalia.org.

Jukebox

Il primo album del 2020 è un album uscito alla fine dell’anno passato: “Gostheen” di Nick Cave and The bad seed. Abbiamo ascoltato le tracce Waiting for you e Galleon ship.

(La copertina di questa settimana è una foto scattata durante la scuola di storia orale svoltasi a Bologna a settembre 2019: particolare delle sculture nel parco “Pasolini” al quartiere Pilastro)