In questa puntata andiamo alla scoperta del mondo del Sex Work. Abbiamo deciso di soffermarci sugli ultimi decenni del Novecento per attraversare qualche passaggio decisivo come la legge Merlin in Italia e la nascita della soggettività politica delle sex workers che negli anni Ottanta darà vita a reti e incontri internazionali.

Il sex work è un mondo ancora oggi molto complicato tra stigma, leggi difficili, razzismo, violenza e un dibattito femminista incapace di comprendere l’esistenza stessa delle lavoratrici del sesso. Per orientarci in questo panorama è intervenuto ai nostri microfoni il Collettivo Ombre Rosse, collettivo femminista di sex worker ed alleate

Approfondimenti

Abbiamo letto:

Lettere dalle case chiuse, Lina Merlin e Carla Barberis,Edifis, Fondazione Anna Kuliscioff, 2017
Maitresse Nikita e Thierry Schaffauser,Fiere di essere puttane, DeriveApprodi, 2009
Giulia Garofalo Geymonant, Vendere e comprare sesso, il Mulino, 2014
Giulia Selmi, Sex Work: il farsi lavoro della sessualità, Bebert, 2016

Questo il link del blog di Ombre Rosse invece qui la pagina facebook

Abbiamo anche ascoltato un estratto dell’intervista che Enzo Biagi fece a Lina Merlin nel 1975 nel programma “Dicono di lei”

Segnaliamo anche questo testo da poco uscito che non abbiamo fatto in tempo a leggere:
Cirus Rinaldi,Uomini che si fanno pagare. Genere, identità e sessualità nel sex work maschile tra devianza e nuove forme di normalizzazione, DeriveApprodi, 2020

Jukebox

Abbiamo ascoltato le spagnole Tribade con il brano Abolo, Tribade, dall’album “Propaganda Pel Fet!” (2020)

(La copertina di questa settimana è presa da Sex Work: il farsi lavoro della sessualità, pag.72.)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.