Un sabato speciale, finalmente quello del 25 aprile, con cui andiamo a chiudere il nostro “mese partigiano”! Appuntamento fisso, seppur da casa, quello con la rassegna stampa, in cui abbiamo cercato di capire come si sia sviluppato il racconto della Liberazione e del suo 75esimo anniversario in questa particolare fase storica. Quale spazio concesso alle storiche e agli storici nei media mainstream? Qual è stata la narrazione del 25 aprile in piena crisi sanitaria? A quale “uso” è stato sottoposto il 25 aprile nel 2020?

Approfondimenti

Visto che abbiamo registrato da casa, abbiamo suddiviso le testate all’interno della redazione per organizzare meglio il lavoro a distanza. Qui vi ricostruiamo la scaletta dei testi di cui vi abbiamo parlato e vi abbiamo letto in puntata

Per l’anniversario della liberazione di Bologna il 21 aprile abbiamo letto “Repubblica Bologna”, “Il resto del Carlino” e il “Corriere di Bologna” in versione cartacea

L’articolo intero di Enzo Collotti su “Il Manifesto” si legge qui

Carlo Vercelli, La lotta è esercizio di riappropriazione, da “Il Manifesto” del 21 aprile 2020.

Ferdinando Camon, E’ la memoria viva che ci vaccina, da “L’Avvenire” del 25 aprile 2020

Dal portale dell’Unione delle comunità ebraiche italiane “Moked” abbiamo preso gli articoli I conti che non tornano di Dario Calimani e Una partigiana di Gadi Luzzato Voghera

Luzzato Voghera è il direttore del Centro di documentazione ebraica contemporanea, che in occasione del 25 aprile ha pubblicato delle belle biografie di partigiani ebrei

Vi segnaliamo anche la ricerca contro il revisionismo storico della Risoluzione del parlamento europeo del 19 settembre 2019 di cui vi abbiamo parlato anche noi portata avanti da Fabrizio Poggio e la sua rassegna Contro la falsificazione della storia di ieri e di oggi su “L’antidiplomatico”

dal “Corriere della Sera abbiamo letto l’articolo di Gian Antonio Stella

Sul sito di “Internazionale” si possono andare a recuperare gli articoli di John Foot, storie di antifascisti

Luca Peretti su “storie in movimento” ci consiglia documentari e film sulla Resistenza

In conclusione vi consigliamo calorosamente di vedere il video Parole che resistono realizzato dalle studentesse e dagli studenti dell’IPSIA Corni di Modena, che hanno letto e commentato, con la bellezza di un racconto fatto da ragazzi e ragazze, le ultime lettere dei condannati a morte della Resistenza, spesso loro coetanei.

Jukebox

Per questo 25 aprile abbiamo scelto la voce di Mara Redigheri solista con Festa d’aprile dall’album “Dio valzer. Canzoni popolari anarcosindacali” (2010) e con gli Ustmamò I ribelli della montagna dall’album “Ust” (1996)

(La copertina di questa settimana è presa da “l’Avanti” 25 aprile 1945.)

In occasione dell’anniversario della Strage di Piazza Fontana abbiamo intervistato la storica Sara Troglio del Laboratorio Lapsus di Milano e autrice, insieme ad altri, del libro Dopo le bombe (Mimesis, 2019) e lo storico e attivista Toni Senta. Con i nostri ospiti abbiamo analizzato la dimensione pubblica della memoria di Piazza Fontana, l’uso politico che ne viene fatto, le verità e le omissioni sulle responsabilità dell’attentato.

Approfondimenti

Ottime letture per approfondire, ovviamente

  • A.a. V.v., Dopo le bombe. Piazza Fontana e l’uso pubblico della storia, Mimesis 2019
  • Paolo Morando, Prima di Piazza Fontana. La prova generale, Laterza, 2019
  • Enrico Deaglio, La bomba. Cinquant’anni di piazza Fontana, Feltrinelli, 2019
  • Marco Grispigni, Quella sera a Milano era caldo, Manifestolibri, 2016 (v. anche la nostra intervista).

Jukebox

Cut Killer, Assassin de la police, dall’album “187 on a Muthafackin’Cop” colonna sonora del film La haine di Mattieu Kassovitz (1995); Molotov, Gimme tha Power dall’album”Dónde Jugarán Las Niñas?” (1997); Montelupo, La ballata di Pinelli, dall’album “Il canzoniere anarchico” (goodfellas 2014).

(La copertina di questa settimana è presa dall’archivio de «Il giorno»)

Per chiudere questo lungo cinquantennale del Sessantotto abbiamo chiesto a Elena Davigo, una delle curatrici della mostra Non è che l’inizio, di parlarci del Sessantotto bolognese, Continue reading

Nel momento in cui volgono al termine questi lunghi quattro anni di centenario della Prima guerra mondiale, dedichiamo un’ultima puntata all’argomento entrando dalla prospettiva del cinema. Continue reading

Il 14 luglio 1948 Antonio Pallante, un giovane di estrema destra, si recò armato nei pressi di Montecitorio ed esplose quattro colpi su Palmiro Togliatti, l’allora segretario del Partito comunista italiano. Continue reading

Nei giorni in cui la Palestina si riaccende per la decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, ricorrono i trent’anni della Prima Intifada Continue reading