Questo tragico 2020 è stato un anno strano ma importante per la letteratura e per la letteratura dell’infanzia e per ragazzi: mentre bambini e adolescenti venivano sistematicamente ignorati dalla società e dai media, veniva celebrato dalle istituzioni l’anno di Gianni Rodari a 100 anni dalla nascita e 40 dalla morte, uno degli scrittori italiani che ha maggiormente dedicato attenzione ai più piccoli. 

In un contesto del genere è stato  significativo che si sia celebrato lo scrittore: si sono letti i suoi testi, si è parlato della sua riflessione pedagogica e si è cercato di collocare questo autore nel pantheon della cultura italiana senza confinarlo ad una sola età. Quello che è mancato secondo noi è stato il racconto di Rodari come un intellettuale inserito in un contesto storico e politico ben preciso e allo stesso tempo come un militante comunista che a parlato a bimbi e bimbe a ha riflettuto sulla pedagogia.

Per entrare in questa dimensione di Rodari abbiamo chiacchierato con Marco Fincardi, storico dell’Università di Venezia e Gianluca Gabrielli, storico e maestro di Bologna.

Approfondimenti

Fra le numerose pubblicazioni di quest’anno vi consigliamo la biografia di Vanessa Roghi, Lezioni di Fantastica. Storia di Gianni Rodari (Laterza) libro che ripercorre in maniera dettagliata il lungo percorso dell’autore. 

Da scoprire è il Cipollino nel paese dei soviet. La fortuna di Gianni Rodari in Urss (e Russia) di Anna Roberti (Lindau) 

Naturalmente, come emerso dall’intervista con Marco Fincardi parlare di Gianni Rodari è un’ottima occasione per conoscere l’esperienza della rivista “Il pioniere”, cui si è lungamente dedicato anche Alfredo Pasquali di Radio Città Fujiko
Qui si trovano le riproduzioni della rivista e del Manuale del pioniere scritto da Rodari e Carlo Pagliarini. Come cornice storiografica vi suggeriamo il libro di Juri Meda, Falce e fumetto. Storia della stampa periodica socialista e comunista per l’infanzia in Italia (1893-1965) Nerbini 2013

Jukebox

Puntata che parla di ragazzi e infanzia, abbiamo scelto di ascoltare i Tre allegri ragazzi morti con Quasi adatti, dall’album “La testa indipendente” (2001), La mia vita senza te dall’album “Nel giardino dei fantasmi” (2012) e Occhi bassi dall’album “Mostri e normali” del 1999

La prima ospite di questa stagione è la giornalista del Corriere della Sera Federica Seneghini che ha scritto un romanzo, Giovinette, le calciatrici che sfidarono il duce (Solferino 2020) in cui racconta la storia vera del primo gruppo calcistico di sole donne, nella Milano degli anni ’30

Approfondimenti

Oltre al libro di Federica Seneghini che contiene all’interno un saggio dello storico Marco Giani, per questa puntata abbiamo preso spunto da

Maria Canella e Sergio Giuntini, Sport e fascismo (Franco Angeli 2009) e un classico della storiografia, Victoria De Grazia, Le donne nel regime fascista (Marsilio 1993) il cui titolo originale è molto meno neutrale di quello italiano, How fascism ruled women.

Jukebox

Per questa puntata abbiamo voluto rendere omaggio alla cantante Elisabeta Imelio, voce e basso prima dei Porzac+ e poi dei Sick Tamburo, scomparsa a febbraio con la canzone Parlami per sempre (2009), continuiamo con l’inconfondibile voce di Erikah Badu con Bag Lady dall’album “Mama’s gun” (2000) e infine i Casino Royale con Milano double standard, dall’album “Reale” (2006)

(La copertina di questa settimana è presa da una foto d’archivio del libro )

In questa puntata intervistiamo lo storico Marco Labbate sul lungo percorso di lotte e azioni individuali e collettive che ha portato alla legge n. 772 del 1972 sull’obiezione di coscienza al servizio militare. Una prospettiva inedita sull’Italia della Prima Repubblica

Approfondimenti

Marco Labbate, Un’altra patria. L’ obiezione di coscienza nell’Italia Repubblicana, Pacini, 2020
Amoreno Martellini, Fiori nei cannoni. Nonviolenza e antimilitarismo nell’Italia del Novecento, Donzelli, 2006

Jukebox

Paco Ibáñez, La mala reputaciòn, dallalbum “Paco Ibáñez canta a Brassens”, 1979

F. Amodei, F. Fortini, La canzone per la marcia della pace, 1962

Barry McGuire, The Eve of Destruction, album omonimo, 1965

In questa puntata andiamo a raccontare il voto delle donne in quel lontano, ma non troppo, 2 giugno 1946 lo facciamo in due modi: una breve storia delle tappe di avvicinamente a questo traguardo epocale e l’intervista a Micol Cossali, una delle curatrici del libro “Libere e sovrane. Le donne che hanno fatto la Costituzione”

Approfondimenti

Il libro freschissimo di stampa è Libere e sovrane, le donne che hanno fatto la Costituzione curato da Micol Cossali, Giulia Mirandola, Mara Rossi, Novella Voolani e Michela Nanut edito da Settenove nel 2020

Nella grande mole di bibliografia sul 2 giungo 1946 e il voto alle donne abbiamo sfogliato

Mariuccia Salvati; La fondazione della repubblica, Franco Angeli 1999 e in particolare il saggio di Paola Zappaterra “Eleggere le donne: le costituenti e la campagna elettorale”

Anna Rossi Doria, Diventare cittadine, il voto delle donne in Italia, Giunti 1996

Patrizia Gabrielli, Il 1946, le donne, la repubblica,Donzelli 2010

La voce di Nilde Jotti è della nostra Alessia e le parole sono prese da una intervista del 1997 raccolta da Elda Guerra e Paola Zappacosta

Jukebox

un live di Nina Simone che canta “Revolution” nel 1969

(La copertina di questa settimana è presa da… libere e sovrane)

In questa puntata andiamo alla scoperta del mondo del Sex Work. Abbiamo deciso di soffermarci sugli ultimi decenni del Novecento per attraversare qualche passaggio decisivo come la legge Merlin in Italia e la nascita della soggettività politica delle sex workers che negli anni Ottanta darà vita a reti e incontri internazionali.

Il sex work è un mondo ancora oggi molto complicato tra stigma, leggi difficili, razzismo, violenza e un dibattito femminista incapace di comprendere l’esistenza stessa delle lavoratrici del sesso. Per orientarci in questo panorama è intervenuto ai nostri microfoni il Collettivo Ombre Rosse, collettivo femminista di sex worker ed alleate

Approfondimenti

Abbiamo letto:

Lettere dalle case chiuse, Lina Merlin e Carla Barberis,Edifis, Fondazione Anna Kuliscioff, 2017
Maitresse Nikita e Thierry Schaffauser,Fiere di essere puttane, DeriveApprodi, 2009
Giulia Garofalo Geymonant, Vendere e comprare sesso, il Mulino, 2014
Giulia Selmi, Sex Work: il farsi lavoro della sessualità, Bebert, 2016

Questo il link del blog di Ombre Rosse invece qui la pagina facebook

Abbiamo anche ascoltato un estratto dell’intervista che Enzo Biagi fece a Lina Merlin nel 1975 nel programma “Dicono di lei”

Segnaliamo anche questo testo da poco uscito che non abbiamo fatto in tempo a leggere:
Cirus Rinaldi,Uomini che si fanno pagare. Genere, identità e sessualità nel sex work maschile tra devianza e nuove forme di normalizzazione, DeriveApprodi, 2020

Jukebox

Abbiamo ascoltato le spagnole Tribade con il brano Abolo, Tribade, dall’album “Propaganda Pel Fet!” (2020)

(La copertina di questa settimana è presa da Sex Work: il farsi lavoro della sessualità, pag.72.)

In questa puntata vi raccontiamo una storia dei “non garantiti” della working class inglese. Tra i quartieri razzializzati di un grigio e monotono Nottinghamshire degli anni ‘80 e ‘90, un ragazzo di nome D. Hunter esce vivo da anni di violenza e di abusi e diventa un attivista queer anticapitalista. La sua storia è diventata un libro: Chav. Solidarietà coatta, curato e tradotto dal nostro ospite, lo scrittore Alberto Prunetti

Approfondimenti

Oltre al già citato D. Hunter, Chav. Solidarietà coatta, Edizioni Alegre 2020, vi consigliamo la lettura di O. Jones, Chavs: The Demonization of the Working Class, Verso Books, 2016 e una bella recensione uscita su “Il Manifesto” del 18 aprile 2020, G. de Michele, I disumanizzati della working class

Jukebox

Abbiamo ascoltato il gruppo britannico Sleaford Mods con Tied up in Nottz, dall’album “Divide and Exit”, 2014 e Jobseeker, dall’album “The Mekon”, 2008

(La copertina di questa settimana è presa da…)