Abbiamo intervistato Jessica Matteo, autrice del libro “Parole pubbliche e memorie private. L’antifascismo militante a Roma negli anni ’70” (Polis.Sa edizioni) che ci ha raccontato lo scontro tra fascismo e antifascismo nei quartieri romani.

Approfondimenti

Oltre al libro di Jessica Matteo, abbiamo citato in puntata

Centro studi movimenti di Parma, Parma Dentro la rivolta,Punto rosso 2000 in particolare abbianmo citato Almirante non parlerà Radici e caratteri dell’antifascismo militante parmense di William Gambetta

Cristiano Armati, Cuori rossi, Newton Compton 2008

Abbiamo dedicato una puntata alla bibliografia sugli anni ’70 nella stagione 2017 di Vanloon, la potete ascoltare qui

Abbiamo ascoltato un estratto della trasmissione di Radio Popolare andata in onda nel gennaio 1978 ” è giusto uccidere i fascisti?” e ascoltabile qui

Jukebox

Abbiamo ascoltato gli FFD con Parma antifascista e i Tear me down con 10,100, 1000 Acca Larentia

(La copertina di questa settimana è presa da archivio Getty images Roma 29 settembre 1970)

La vicenda delle Foibe è uno degli esempi più evidenti di come la storia non è solo una questione di addetti ai lavori, ma è qualcosa che va aldilà della ricerca per prendere vie a volte grottesche. Ne abbiamo parlato con lo storico Eric Gobetti che ha scritto per Laterza il libro “E allora le foibe?” appena uscito.

Approfondimenti

Il libro di Gobetti può essere un buon punto di partenza per approfondire questioni legate al confine orientale. Infatti la parte finale del libro è dedicata ad una bibliografia ragionata divisa per temi: il confine, l’occupazione italiana, la Resistenza jugoslava, il fascismo, le foibe, l’esodo, memorie e uso politico.

Per noi di Vanloon è il terzo anno che parliamo delle foibe in occasione del giorno del ricordo, due anni fa siamo state in compagnia di Piero Purich, l’anno scorso abbiamo chiacchierato con Viola Santi

Sul sito dell’istituto storico della Resistenza del Friuli Venezia Giulia è stato pubblicato l’anno scorso un vademecum per il giorno del ricordo, da scaricare e leggere

Jukebox

Siamo state in compagnia di Fela Kuti e del suo No agreement del 1977

(Nella copertina di questa settimana c’è Caterina Guzzanti in Vicky di casapound)

Per il giorno della memoria 2021, parliamo di come il nazismo ha trattato gli omosessuali e lo facciamo partendo dal nuovo romanzo della scrittrice tedesca Helga Schneider Bruceranno come ortiche secche”Relazioni pericolose ai tempi di Adolf, in uscita il 4 febbraio per Oligo editore, in cui le ortiche secche (parole pronunciate da Himmler nel 1937) sono proprio le persone lgbt.

Approfondimenti

Abbiamo intervistato Helga Schneider scrittrice e testimone oculare del nazismo, con il suo ultimo romanzo “Bruceranno come ortiche secche”Relazioni pericolose ai tempi di Adolf (Oligo editore 2021)

Per un approccio allo studio dell’omocausto abbiamo consultato:

Giorgio Giannini, Vittime dimenticate. Lo sterminio dei disabili, dei roma, degli omosessuali, e dei testimoni di geova, Stampa alternativa 2011

Circolo Pink (a cura di), Le ragioni di un silenzio. La persecuzione degli omosessuali durante il nazismo e il fascismo, Ombre corte 2002

Abbiamo segnalato in puntata il lavoro che la scuola Ipsia Corni di Modena ha prodotto per il 25 aprile e lo potete vedere qui

I libri segnalati per il giorno della memoria sono:

Amedeo Osti Guerrazzi, Gli specialisti dell’odio. Delazioni, arresti, deportazioni di ebrei italiani, Giuntina edizioni 2021

Greta Fedele e Sara Troglio, Vera. Resistena deportazione e impegno di Vera Michelin Solomon, Mimesis 2021

Michele Sarfatti,Il cielo sereno e l’ombra della Shoah. Otto stereotipi sulla persecuzione antiebraica nell’Italia fascista, Viella 2021

Anna Cegna e Filippo Focardi (a cura di), Culture antisemite. Italia ed Europa dalle leggi antiebraiche ai razzismi di oggi , Viella 2021

Jukebox

Abbiamo selezionato tre brani tratti dall’album “L’imboscata” di Franco Battiato (1996) e sono Ein tag aus dem leben des Kleinen Johannes, Di passaggio e Strani giorni

(La copertina di questa settimana è presa da Amsterdam Homomonument inaugurato nel 1987)

Oggi Vanloon attraversa il Mediterraneo e si inoltra nella questione, mai risolta, del Sahara occidentale, al confine tra Marocco e Mauritania, prima del ’76 colonia spagnola e poi terra di conquista da parte del Marocco. In mezzo il popolo Sarahwi. Ne abbiamo parlato con storico Luca Peretti e con il fumettista Andromalis

Approfondimenti

La compicata vicenda del Sahara Occidentale non trova molto spazio nei media italiani. Un articolo di Internazionale che ne riassume la vicenda è uscito qualche tempo fa,

La graphic novel di cui abbiamo parlato con il fumettista Andromalis si chiama Mariem Hassan Io sono saharui scritta con Gianluca Diana ed edita da Barta nel 2017

La musica Sahrawi con il suo desert blues è protagonista di questa puntata di L’idealista su radio3

Sul Manifesto è uscito questo articolo a cura di Stefano Mauro sulla ripresa delle operazioni militari da parte del Marocco a novembre

In Italia esiste l’associazione nazionale di solidarietà con il popolo Sahrawi

Jukebox

Per questa puntata abbiamo usato la musica come fonte per raccontare il popolo Sarahwi

Aziza Brahim con la canzone Ahlami dall’album “Sahara” del 2019 e due canzoni di Meriem Hassam, Haiyu e L’intifada dall’album “Deseos” del 2009

(La copertina di questa settimana è presa da campo profughi di Tindouf in Algeria)

La storia dei terremoti e la storia delle popolazioni che lo subsiscono è ancora in parte da scrivere. I 40 anni dal sisma che colpì, il 23 novembre 1980 l’Irpinia, sono una buona occasione per riflettere. Ne abbiamo parlato con Gabriele Ivo Moscaritolo

Approfondimenti

I terremoti hanno fatto e fanno ancora parte della storia d’Italia. La lista dei terremoti italiani con le schede tecniche e le informazioni pratiche sono sul sito, sempre in aggiornamento, catalogo forti terremoti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Il libro di Gabriele Ivo Moscaritolo, Memorie dal cratere. Storia sociale del terremoto in Irpinia, è edito da EditPress nel 2020.

La regista Lina Wertmuller dedica al terremoto irpino un documentario “è uan domenica sera di novembre” del 1981

Vi suggeriamo:

E. Guidoboni, G. Valensise (a cura di), L’Italia dei disastri. Dati e riflessioni sull’impatto degli eventi naturali 1861-2013, Bononia University Press, Bologna 2013

Avevamo già parlato di storia orale in una puntata dell’anno scorso con Giulia Zitelli Conti

All’inizio della puntata, il coordinatore della collana editoriale “storia orale” Giovanni Pietrangeli di cui il libro fa parte, ci spiega come è nato il progetto.

Qui le info pratiche

Jukebox

Abbiamo acoltato i 24Grana con Accireme dall’album “Ghostwriter” (2008) e Resto sempre uguale dall’album “Metaversus” (1999)

(La copertina di questa settimana è presa da immagine del borgo vecchio di Conza della Campania)

Presentiamo, insieme ad alcuni degli autori, il numero 52 della rivista di storia della conflittualità sociale Zapruder (ed Mimesis)

Approfondimenti

Abbiamo intervistato due dei curatori del numero 52,Alessandro Stoppoloni e Alessandro Pes che ci ha anche parlato del suo articolo all’interno della rivista dal titolo “How the movies shape a society.Film e serie tv nel post Obama”. Abbiamo chiacchierato con Angelica Pesarini che ha scritto insieme a Guido Tintori, l’articolo “La grammatica della razza: identità e cittadinanza”.

Jukebox

Unico, bellissimo, ascolto per questa puntata: Tracy Chapman con Across the lines dall’album omonimo del 1993

(La copertina di questa settimana è presa da –)