Per l’ultima puntata della stagione, come da tradizione, vi diamo alcuni consigli di lettura come semrpe tra storia, romanzi, biografie e fumetti. In quest’anno molto complicato che volge al termine ci siamo soffermate sulle uscite del 2021 che avremmo voluto presentare nelle puntate.

Approfondimenti

In ordine di apparizione vi abbiamo segnalato

Monica Lanfranco, PuntoG. Il femminismo al G8 di Genova (2001-2021) Vanda edizioni 2021  con due approfondimenti molto interessanti qui e qui

Marco Rovelli, Siamo noi a far ricca la terra: Romanzo di Claudio Lolli e dei suoi mondi, Minimum fax , 2021.

Jacopo ha citato l’articolo di Marco Rovelli, La poesia di Claudio Lolli è un conflitto messo in musica, lo trovate in “Domani” del 17 giugno 2021

Roberto Grassi, Cassadritta, Cocoino press 2021

Barbara Bonomi Romagnoli, Marina Turi, Laura non c’è, Fandango 2021

Maya De Leo, Queer. Storia culturale della comunità LGBT+, Einaudi 2021

Simone Brioni e Daniele Coberiati, Ideologia e rappresentazione. Percorsi attraverso la fantascienza italiana, Mimesis 2020

Paul Mendez, Latte arcobaleno, Blu Atlantide 2021

Manlio Calegari, La sega di Hitler. Storia di strani soldati(1944-45) EditPress 2021

Virgilia D’Andrea, Non sono vinta-Raccolta di scritti tra anarchia e antifascismo, Rina edizioni 2019

Juke-box

Ci hanno fatto compagnia per il finale di stagione

Sons of Kemet, To never forget the source da “Black to the future” (2021)

Marvin Gaye, Inner city blues da “What’s going on” (1971)

Casino Royale, Tra noi dis-version, da “Polaris” (2021)

In occasione della pubblicazione di Atlantide Hardcore D.I.Y PUNX: Live 2001/2015 vi raccontiamo la storia di uno dei punti di riferimento della scena punk harcore, dei movimenti femministi, queer e in generale delle esperienze di autogestione degli spazi sociali della città di Bologna e non solo.

Atlantide alloggiava negli spazi di uno dei due casseri di Porta Santo Stefano ed era crocevia di varie esperienze e collettivi come Antagonismo gay/S-maschieramenti, Clitoristrix e Nulla Osta i punx di Atlantide. Vivo grazie a queste realtà, lo spazio è diventato fin dal 2001 un centro internazionale e di dibattito di altissimo livello dei movimenti lgbtq ma anche un punto di riferimento della scena hardcore.

Nel 2015 dopo una lunga battaglia politica, che ha svelato l’ipocrisia dell’amministrazione bolognese, si arrivò allo sgombero. Dal 9 ottobre 2015 Atlantide infatti non c’è più e a oggi, maggio 2021, quelle mura che ci hanno regalato tante emozioni sono un cantiere senz’anima.

Approfondimenti

Per questa puntata abbiamo letto:

Atlantide Hardcore D.I.Y. Punx Live 2001/2015, Zooo Print and Press, Serimal Screenprinting Studio, Hellnation Red Star Press e Atlantide NullaOsta, Bologna, 2021

Siamo nati da soli. Punk, rock e politica in Italia e in Gran Bretagna (1977-1984) , Alessia Masini, Pacini Editore 2019

Juke-box

Abbiamo ascoltato:
Asesinos, Los Crudos
We Laugh at Danger (And Break all the Rules)”, di Against Me!”
Sea Song, di Signorine Taytituc

In questa puntata vi raccontiamo una storia dei “non garantiti” della working class inglese. Tra i quartieri razzializzati di un grigio e monotono Nottinghamshire degli anni ‘80 e ‘90, un ragazzo di nome D. Hunter esce vivo da anni di violenza e di abusi e diventa un attivista queer anticapitalista. La sua storia è diventata un libro: Chav. Solidarietà coatta, curato e tradotto dal nostro ospite, lo scrittore Alberto Prunetti

Approfondimenti

Oltre al già citato D. Hunter, Chav. Solidarietà coatta, Edizioni Alegre 2020, vi consigliamo la lettura di O. Jones, Chavs: The Demonization of the Working Class, Verso Books, 2016 e una bella recensione uscita su “Il Manifesto” del 18 aprile 2020, G. de Michele, I disumanizzati della working class

Jukebox

Abbiamo ascoltato il gruppo britannico Sleaford Mods con Tied up in Nottz, dall’album “Divide and Exit”, 2014 e Jobseeker, dall’album “The Mekon”, 2008

(La copertina di questa settimana è presa da…)