La puntata di questa settimana è dedicata a uno degli ambiti preferiti di Vanloon, la storia dei movimenti, in particolare al trentennale del movimento della Pantera. Abbiamo intervistato Simone Lucido, attivista della Pantera di Palermo, città che ha generato il movimento con l’occupazione della Facoltà di Lettere il 5 dicembre del 1989. Scopriamo grazie a lui che quella non fu un’esplosione improvvisa ma il risultato di tanti fattori, compresi una lunga, anche se quasi sconosciuta, effervescenza politica e culturale del meridione durante gli anni ‘80.

Approfondimenti

Qualche libro per avvicinarci alla storia e alla genesi di questo movimento

Nando Simeone, Gli studenti della pantera. Storia di un movimento dimenticato, Alegre 2010

AA.VV., L’aeroplano e le stelle. Storia orale di una relatà studentesca prima e dopo la pantera,Manifestolibri 1995

Marco Capitelli(a cura di), La pantera siamo noi, Istant books C.I.D.S 1990

Jukebox

Per la puntata di oggi, vi abbiamo proposto gli albori del rap italiano con “Stop al panico!” del 1991, pezzo figlio della Pantera e dei centri sociali degli anni ‘90 e quello che ormai possiamo definire un classico, Neffa e i messaggeri della dopa con “Aspettando il sole” dall’album omonimo del 1996

(La copertina di questa settimana è presa da –)

Nuto Revelli ha avuto una vita ricca, complessa e drammatica che in tanti modi ha intrecciato la “storia”: dapprima da protagonista come ufficiale degli Alpini durante la campagna di Russia e comandante della Resistenza in Piemonte, successivamente come narratore che nei suoi libri ha dato voce al “mondo dei vinti”.

Approfondimenti

Una storia di vita che rientra perfettamente nella nostra rubrica La piccola x, l’appuntamento periodico che Vanloon dedica alla storia attraverso le biografie. Per andare a recuperare la storia di Nuto Revelli abbiamo chiacchierato con Giuseppe Mendicino, scrittore ed esperto di letteratura di montagna, che ha pubblicato nel 2019 con la casa editrice Priuli&Verlucca Nuto Revelli. Vita, guerre, libri.

Il libro di Giuseppe Mendicino è un ottimo stimolo per riprendere in mano i libri di Revelli: particolarmente interessante, per un programma di storia come il nostro, sono La strada del davai (1962), L’ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale (1971), Il mondo dei vinti. Testimonianze di vita contadina (1977) e L’anello forte. La donna: storie di vita contadina (1985), tutti editi da Einaudi. 

Nel libro che vi abbiamo raccontato emerge anche la grande passione per un altro scrittore che è molto caro a Giuseppe Mendicino ed è strettamente connesso alla vita di Revelli, Mario Rigoni Stern. Qui di seguito alcuni articoli dedicati a questi scrittori di montagna: su Mario Rigoni Stern e sul suo rapporto con Primo Levi.

Giuseppe Mendicino ci ha raccontato, nella parte finale dell’intervista, un episodio molto bello della ricerca di Nuto Revelli e della sua battaglia della memoria.

Per chiudere, alcune recensioni della biografia di Nuto Revelli.

Jukebox

Per accompagnare la puntata abbiamo pescato nella produzione di un autore a noi molto caro, Murubutu, che ha parlato di guerra e di dolore in diverse sue canzoni. Noi abbiamo ascoltato Le stesse pietre da “La bellissima Giulietta e il suo povero padre grafomane” (2013) mentre l’altra traccia è di la Kattiveria, Era un giorno come tanti, da “Dove vola l’avvoltoio” (2006) di cui Murubutu è fondatore e voce.

La storia, noi di Vanloon, andiamo a cercarla un po’ ovunque: la peschiamo negli archivi, nelle biblioteche, nei romanzi, nei fumetti, nel teatro e… nella musica. Ci avevamo provato Continue reading

Ultima puntata sul cinquantesimo del ‘68, approfondiamo la dimensione transnazionale che ha assunto il movimento in questo evento-processo. E prendiamo spunto da una considerazione semplice, di cui avevamo avuto sentore nelle puntate precedenti Continue reading