Abbiamo chiacchierato con la giovane storica Giulia Zitelli Conti sull’approccio della storia orale alla ricerca storica, sulla differenza tra il metodo giornalistico di fare una intervista e quello storico.

Approfondimenti

Essendo la storia orale un metodo della storia già dal dopoguerra l’elenco dei testi sarebbe lunghissimo. Riproponiamo qui quelli che ha citato Giulia Zitelli Conti nell’intervista.

Sul metodo:

  • Giovanni Contini, Alfredo Martini, Verba manent. L’uso della fonte orale per la storia contemporanea, Carocci, 1993
  • Bruno Bonomo, Voci della memoria, Carocci, 2013
  • Alessandro Portelli, Storie orali. Racconto, immaginazione, dialogo, Donzelli, 2007
  • Alessandro Casellato, Il microfono rovesciato. Dieci variazioni sulla storia orale, ed Istoreco. 2007

Esempi pratici:

  • Francesca Socrate, Sessantotto, due generazioni, Laterza, 2018
  • Paola Stellifferi, Il femminismo a Roma negli anni ‘70, Bup, 2015
  • Nuto Revelli, Il mondo dei vinti. Testimonianze di vita contadina, Einaudi, 1977
  • Giulia Zitelli Conti, Magliana nuova: un cantiere politico nella periferia romana, Franco Angeli, 2019

Un bell’articolo di Alessandro Portelli ci spiega cosa fa uno storico che si approccia alla ricerca con la storia orale. Il sito dell’Associazione italiana di storia orale è www.aisoitalia.org.

Jukebox

Il primo album del 2020 è un album uscito alla fine dell’anno passato: “Gostheen” di Nick Cave and The bad seed. Abbiamo ascoltato le tracce Waiting for you e Galleon ship.

(La copertina di questa settimana è una foto scattata durante la scuola di storia orale svoltasi a Bologna a settembre 2019: particolare delle sculture nel parco “Pasolini” al quartiere Pilastro)

Il 22 aprile 2007 moriva Alberto Grifi, artista underground, precursore del cyberpunk, sperimentatore e cineasta fra i più importanti e meno conosciuti del secondo Novecento. Lo ricordiamo con Anna Maria Licciardello, Fulvia del collettivo Claire Fontaine e Ivan Grifi che ci parlano, fra le altre cose, dei progetti di recupero del patrimonio artistico e politico di Alberto.

Marzo 2017: sono trascorsi 40 anni dal movimento del Settantasette, che ha investito in particolar modo Bologna. Come ha affrontato la stampa dei nostri giorni questo anniversario? Abbiamo commentato settimanali, inserti, quotidiani per capire quali luoghi comuni ancora persistono e cosa invece migliora.

Nella Roma occupata dall’esercito hitleriano un pugile ebreo non accetta le violenze naziste. Inizia allora a dirigere i suoi pugni contro i nazisti, dando loro del filo da torcere. Gli episodi della vita di Pacifico Di Consiglio detto “Moretto” ci fanno ragionare sul falso mito della passività ebraica.